Associazione E'-vViva la Mamma
Cast Artistico 2017

3° Premio

"A vò p'a Mamà"

di
Antonio Giordano
PALERMO

Antonio Giordano

Motivazione
Testo motivazione

 

A vò p'a Mamà

Quannu nascivi era un criaturieddu
E unn’iera troppu lariu e mancu bieddu.
U puostu unn’iera misu nun lu sacciu,
ma cc’iera a chiesa ‘u Carminu ddà nfacciu.

Darrieri c’era un spazziu cummigghiatu,
vinnievanu lu pisci propriu o latu. 1
Er iu chianciva rientra nu platò
E inchieva i vuci tutta Baddarò.

Don Pinu sprimui u latti ra so vacca
Er addattavi priestu e senza fracca.
Un pisciauolu vinni ra me banna
E m’abbanniò 2 na bella ninna nanna.

Si vinni nirbusieddu nun ci curpu
Picchì viveva siempri acqua ri purpu! 3
Sintiti poi chi cuosa mi squitò,
mentri passiava nta la Baddarò.

C’iera nta a carrozzella un picciriddu,
o latu ra putia ro zu Mimiddu.
So matri un minutieddu lu lassò:
iddu un unna vitti cchiù er ingusciò. 4

Curriu so matri e a cuorpu l’accurdò
Vasannulu e cantannuci la vò.
Chi mi succiessi un vu sacciu cuntari.
Ri dintra e dintra mi misi a trimari.

“Maruonna ‘o Carminu pensaci tu,
tu ca sì la mammina ri Gesù.
Sentu accamora rientra na gran fiamma
E abbruciu i desideriu ri na mamma”.

“Figghiuzzu ruci nun ti dispirari.
Nte cianchi,nte bancati e nte putiari, 5
tra vuci,ciauri e cati ri munnizza,
ti inchi ri vasati e di carizza.

Uora ca lu capivi ccà mi stò.
Sugnu to figgiu,mamma Baddarò!

 

Ninna nanna per la Mamma

Quando nacqui ero un bambinello
e non ero ne troppo brutto ne troppo bello.
ll posto dov’ero messo non lo so
ma dirimpetto c’era la chiesa del Carmine.

Dietro c’era uno spazio ricoperto,
vendevano il pesce proprio accanto 1
Ed io piangevo dentro una cesta di frutta (platò)
e con le mie grida riempivo Ballarò.

Don Pino munse allora la sua vacca
ed allattai presto e senza indugi.
Un pescivendolo mi venne a lato
e abbanniò 2 una bella ninna nanna.

Se venni nervosetto non è mia colpa,
perché bevevo sempre acqua di polpo! 3
Sentite poi cosa mi squietò,
mentre passeggiavo a Ballarò.

In una carrozzella c’era un bimbo
accanto alla bottega di zio Mimiddo.
Sua madre un minutino lo lasciò:
lui non la vide più e scoppiò a piangere. 4

La madre accorse e subito lo calmò,
baciandolo e cantandogli la vò.
Che mi successe non so raccontare.
Tutto dentro mi misi a tremare.

”Madonna del Carmine,pensaci tu,
tu che sei la mammina di Gesù.
Adesso sento dentro una gran fiamma
e brucio dal desiderio di una mamma”.

”Figlioletto dolce,non ti disperare.
Nei banchi di carne, del pesce e fra i venditori, 5
quando tu entri e vai scegliendo quello che vuoi,
tua madre si nasconde là e ti coccola.
Tra voci,odori e secchi di mondezza,
ti riempie di baci e ti carezza.

Ora che ho capito qui mi sto.
Sono tuo figlio,mamma Ballarò!

 

1 - Fino agli anni ’70 piazza del Carmine era una sorta di inizio di Ballarò e la sua area era occupata da capannoni coperti,solitamente riservati alla vendita del pesce.

2 - Abbanniare è il modo cantato di magnificare la propria merce e ogni venditore è geloso della propria tessitura musicale che riesce asviluppare,diversa da quella degli altri.

3 - Per acqua di polpo si intende a Palermo un caffè leggero e annacquato; come quello americano insomma.

4 - Anche “ingusciare” è intraducibile (da angosciare?). Si usa questo verbo quando il bambino apre la bocca facendo precedere lo scoppio in pianto da un lento e silenzioso risucchio.

5 - La “chianca” (grosso tronco di albero) è sul banco del macellaio,la”bancata” è invece un banco di marmo. Per il pesce da taglio,i “putiari” vendono solitamente frutta o spezie.