Associazione E'-vViva la Mamma

2° Premio

"Mamma"

di
Elia Scionti
Modica (RG)

Elia Scionti

Motivazione
Quartine dialettali, pregnanti di domestica oralità, tessono il divenire del ricordo materno ed irridono al tempo per far durare bellezza ed affettività.

 

(Non sempre il tempo la beltà cancella
né la sfioran le lacrime e gli affanni:
mia madre ha sessant'anni
e più la guardo e più mi sembra bella)

Mamma

Era nica, ma ogni bbota
ca sti viersi iu ligghìa,
lu mà cori adduluratu
'ntà lu piettu si stringìa.

E pinsava 'a mamma mia
vicciaredda 'i sissant'anni:
mi parìa 'na cosa brutta
e vulìa firmari l'anni!

Tantu tiempu è gghià passatu,
sissant'anni l'agghiu iu,
nun mi sientu chidda veccia
ca pinsava 'u cori miu!

E mà mattri, ri uttant'anni,
è cciù bedda assai 'ri mia.
né i rulura né l'affanni
ci arrubbaru 'a puisia

ri 'na fimmina spiciali
tutta cori e fantasia
ca ti parra e t'arragghiuna
miegghiu ri una rà età mia;

ca cci piaci la littura,
ca ti canta li canzuni,
c'ha 'mparatu li paroli
nuovi rà televisioni;

c'avi ancora 'i sirici anni
ca 'u ristinu ci arrubbau;
ca 'ntò cori ci avi l'ali
ca 'u ristinu cci tagghiau.

E, se capita ca 'a boti
si lamenta ppe rulura
se avi niauttri figghi ò cantu
si li scorda pir incantu!

E vulissimu ca 'u tiempu
si firmassi e tutti anziemi
arristassimu vicinu
ppi spartirini lu bbeni

ri sta mamma curagghiusa
ca ni runa tantu amuri,
ca ppi niauttri cianci e arriri
picchì sièmu lu sà cori.

Mamma

Ero piccola, ma ogni volta
Che questi versi io leggevo
Il mio cuore, addolorato,
dentro il petto si stringeva.

E pensavo a mamma mia
Vecchierella di sessant'anni!
Mi sembrava una cosa brutta
E volevo fermare gli anni.

Tanto tempo è già passato,
sessant'anni ce li ho io:
non mi sento quella vecchia
che pensava il cuore mio.

E mia madre, di ottant'anni,
è più bella assai di me:
né i dolori né gli affanni
le hanno rubato la poesia

di una donna speciale,
tutta cuore e fantasia
che parla e che ragiona
meglio di una dell'età mia,

che le piace la lettura,
che ti canta le canzoni,
che ha imparato le parole
"nuove" della televisione;

che ha ancora i sedici anni
che il destino le ha rubato,
che nel cuore ha le ali
che il destino le ha tagliato.

E, se capita che, a volte,
si lamenta per i dolori,
se ha noi figli accanto
se li scorda per incanto!

E vorremmo che il tempo
Si fermasse e, tutti insieme,
restassimo vicini
per dividerci questo bene

di questa mamma coraggiosa
che ci da tanto amore,
che per noi piange e ride
perché siamo il suo cuore.