Associazione E'-vViva la Mamma
Cast Artistico 2017

1° Premio

"Fammi la vò vò"

di
Antonella Pizzo
RAGUSA

Antonella Pizzo

Motivazione
Canto in cui l'assenza della madre si fa dono d'amore per riscrivere le stagioni della vita in quartine di forte intensità emotiva, aggallante anche dalle reiterate negazioni che generano la struggente tenerezza della maternità. La lingua dialettale, precisa nel lessico, duttile nel paziente scavo memoriale, conferisce al testo di questa seducente "vò vò" la corposa pregnanza del legame di sangue e di terra che, fluente, ingemma desideri e sogni di intere generazioni.

 

Fammi la vò vò

Sàcciu ca sugnu veccia, e sacciu
ca si finiu lu tiempu ri lu guai,
ciercu la mamma mia e cianciu,
cantu la mamma ca nun vitti mai.

Mamma nun mi cuccasti, nun m'antuppasti
nun mi lavasti e mancu mi vististi
nun mi facisti lupupiddu co zuccuru
nun mi facisti laninna e la vò.

Ti ciercu mamma, ciercu la tò uci
ti ciercu ora, nna sta stanza scura,
aspiettu ca m'allustra la tò luci
e ca m'amutta una 'ccianata rura.

Li ciercu, mamma, ciercu li tò mani
li ciercu ora, ca sugnu fridda fridda
sugnu na figghia, acciù senza rumani
ca cerca na carizza picciridda.

Mamma nun m'adduvasti, nun mi taliasti
quannu carì tu un mi susisti
nun m'ampastasti lu pani ri casa
nun mi facisti la ninna e la vò.

Ddu juornu nfami ca t'alluntanasti
ca rasti la tò vita pi la mia,
tu, ri la morti, no, nun ti scantasti
scigghisti a r-idda pi sarvari a mmia.

Ti nni-isti, mamma, cu dda gran signura
a stissa ca mi canciau la sorti
e mi lassasti nicaredda e nura
senza n vistutu, sula cu la morti.

Mannna nun m'allattasti, nun m'anfasciasti
nun m'annacasti cu la naca a bbientu
nun m 'addubbasti a pani cuottu e meli
nun mi facisti la ninna e la vò.

E' l'ura, a viru, a morti s'avvicina,
ju la canùsciu, è comu l'autra vota
è a stissa ca vitti dda matina,
e gira sempri, oh comu a gira a rota!

Ju ciuru l'uocci, mamma, e ti taliu
pigghimi mamma, pigghimi cu ttia
ti paru veccia, ma sugnu sempri ju
sugnu tò figghia, famrnilla dda vò vò.

Fammi la vò vò

So che sono vecchia, e so
che è finito il tempo dei guai
canto la mamma mia, e piango,
cerco la mamma che non ho visto mai.

Mamma non mi hai coricata, non mi hai coperta
non mi hai lavata e neanche mi hai vestita
non mi hai fatto il pupetto con lo zucchero
non mi hai fatto la ninna e la vò.

Ti cerco mamma, cerco la tua voce
ti cerco ora, in questa stanza buia,
aspetto che mi illumini la luce
e che mi spinga nella salita dura.

Le cerco, mamma, cerco le tue mani
le cerco ora, che sono fredda fredda
sono tua figlia, ormai senza domani
che cerca una piccola carezza.

Mamma non mi hai allevata, non mi hai guardata
quando sono caduta, tu non mi hai rialzata
non mi hai impastato il pane di casa
non mi hai fatto la ninna e la vò.

Quel giorno infame che ti sei allontanata
che hai dato la tua vita per la mia
tu, della morte, no, non hai avuto paura
hai scelto lei per salvare me.

Te ne sei andata, mamma, con quella gran signora
la stessa che mi ha cambiato la sorte
e mi hai lasciata piccola e nuda
senza un vestito, sola con la morte.

Mamma non mi hai allattata, non mi hai fasciata
non mi hai cullata con la culla a vento
non mi hai saziata di pane cotto e miele
non mi hai fatto la ninna e la vò.

E' l'ora, la vedo, la morte si avvicina
io la riconosco, è come l'altra volta
è la stessa che ho visto quella mattina
e gira sempre, oh come la gira la ruota!

Io chiudo gli occhi, mamma, e ti guardo
prendimi mamma, prendimi con te
ti sembro vecchia, ma sono sempre io
sono tua figlia, fammi quella vò vò.